World Play Day, ventesimo anno.

 

World Play Day, ventesimo anno. La Giornata Mondiale del Gioco è giunta a un traguardo molto importante


L’iniziativa, promossa a livello mondiale dall’Associazione Internazionale Ludoteche (ITLA – International Toy Library Association) ricorre oggi, 28 maggio, ma viene convenzionalmente festeggiata l’ultimo weekend di maggio in oltre 40 paesi al mondo, tra cui l’Italia. 
 

Il World Play Day ha come tema il diritto al gioco, diritto sancito dalla Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza e lo scopo della giornata è quello di affermare il diritto al gioco per bambine e bambini, ma anche per gli adulti
Il gioco promuove lo sviluppo delle relazioni umane, l'emotività e l'apprendimento; tutte le persone, di ogni età, attraverso il gioco, possono recuperare e riscoprire tempi e spazi di qualità, spesso dimenticati nella vita di tutti i giorni. Noi tutti di Federludo ciò lo sappiamo bene, e anche voi che ci leggete; questa ricorrenza ci appartiene, facciamo che sia sempre più nostra.
 
Ed è così che due eventi ludici di forte risonanza hanno scelto di portare il Gioco nel cuore profondo di due importanti città come Roma e Firenze; si sono svolti pressoché in contemporanea, e non per caso sabato 25 maggio, quale tributo a questa ricorrenza; due eventi che, in modo diverso ma con finalità simili, hanno riunito cultura e mondo ludico.
 
A Roma, nella splendida cornice dello Stadio di Domiziano, sito archeologico ipogeo di Piazza Navona e patrimonio dell’Unesco, Il Salotto di Giano ha proposto Dominus et Deus, un evento, patrocinato da Federludo, in cui storia, mitologia, arte, cultura e gioco di ruolo sono stati fusi andando a creare atmosfere uniche, totalmente immersive ed esclusive. Cento persone -e non avrebbero potute essere una sola in più- grazie ai demiurghi di Lex Arcana ospiti della serata, hanno vissuto l’esperienza di giocare realmente nell’antica Roma dopo averne esplorato le monumentali rovine e gustato le pietanze dell’epoca, rivivendone i fasti. 

L’associazione ProGioco Firenze, che da quasi quindici anni si occupa di promuovere il gioco d’intelletto al motto di “FirenzeGioca e io la fo giocare”,  ha invece collaborato alla realizzazione di una grande Caccia al Tesoro itinerante dedicata al Genio di Leonardo da Vinci che si è svolta in pieno centro, a due passi dal Duomo. Un evento totalmente gratuito e volto a valorizzare, proprio attraverso lo strumento ludico, queste importanti vie del centro città, con il patrocinio di Città Metropolitana e il sostegno delle attività commerciali. L’iniziativa ha visto scendere in campo 175 squadre che, tra musici, sbandieratori, botteghe e macchine di Leonardo, si sono lanciate alla scoperta di indizi, storia, arte e aneddoti locali.  

Per ritornare, e chiudere, su questa ventesima Giornata Mondiale del Gioco, ci preme ricordare il ricco programma, con 60 diverse attività proposte per la ricorrenza sabato scorso 25 maggio, dalla città di Udine, come sempre all’avanguardia in termini di gioco. E, copiando dal manifesto dedicato alla giornata udinese, anche noi crediamo fermamente che una città che gioca è una città che cresce”!
Back to Top